Al cuore dell’Agro Aversano, Aversa ha una particolare struttura urbana, che viene detta “avvolgente”, cioè a raggiera. Fondata nel 1022, è la prima contea normanna in Italia ed è tra i centri più interessanti della Campania, ricca di monumenti e chiese.

Vanta due castelli, il più antico dei quali, con quattro grandi torri merlate, fu iniziato dagli svevi e terminato dagli angioini. Aversa fu a capo di un importante feudo sin dal 1022, quando il normanno Rainulfo Drengot la ebbe col titolo di conte, fu ingrandita dopo le
vittorie di Guglielmo Braccio di Ferro e sotto Riccardo I, tanto che papa Leone IX volle stabilirvi una sede vescovile. Nel castello angioino subì il carcere la principessa Matilde e avvenne l’assassinio di Andrea d’Ungheria, il marito della regina Giovanna; quest’ultima lo donò poi ai monaci celestini, ai quali appartenne fino al 1807, quando fu soppresso il loro
ordine. Il castello aragonese fu costruito per volontà di re Alfonso, quadrato, munito di torri ai quattro lati e circondato da fossati molto profondi. Distrutto agli inizi del secolo XVIII, fu
poi rimesso a posto nel 1750 per desiderio di Carlo di Borbone, probabilmente sotto la direzione di Luigi Vanvitelli; in seguito fu adibito a caserma di un reggimento di cavalleria


[da V. Gleijeses, Castelli in Campania, Società Editrice Napoletana, 1973, p. 96]

Da visitare:

-Castelli e palazzi:
Castello aragonese 
Palazzo Golia 
Palazzo Gaudioso 
Porta San Giovanni 

– Chiese e conventi:
Cattedrale di San Paolo
Chiesa di Santa Maria a Piazza           Chiesa di San Francesco 
Complesso dell’Annunziata 
Chiesa e convento della Maddalena 

– Parchi e monumenti:
Parco Pozzi
Monumento a Domenico Cimarosa 
Museo della Rota degli Esposti

 

C’è ancora molto altro da scoprire, ad Aversa. In attesa dei nostri tour, approfondisci qui:
https://www.aversaturismo.it/

info@cyranostories.com